Strumenti personali
Cerca in Libri
Eventi
 
Azioni sul documento

NARRARE L’ITALIA | dal vertice del mondo al Novecento

— scaduto
Tu sei qui: Home

Un Libro in Rete - Giovedì 27 Giugno 2024 ore 20.30 in Sala Soster di Palazzo Festari

Quando 27/06/2024
dalle 20:30 alle 22:30
Nei giorni
  • 27/06/2024
Dove Sala Soster – Palazzo Festari - Corso Italia, 63 – Valdagno (VI)
Telefono 0445 406758
Aggiungi iCal

NARRARE L’ITALIA
dal vertice del mondo al Novecento

di Luigi Zoja
 Giovedì 27 Giugno ore 20.30 |
Sala Soster di Palazzo Festari
Evento del Guanxinet guanxi

Partecipano all’incontro:
Luigi Zoja autore del libro | in dialogo con Marco Scorzato de Il Giornale di Vicenza

Il Libro

Le caratteristiche di un territorio e degli abitanti che lo abitano sono difficili da definire. Che cosa siano gli italiani e l’Italia è una domanda alla quale in molti hanno provato a rispondere: Dante, Petrarca, Guicciardini, Leopardi. Fino a Giulio Bollati, che a lungo ragionò sul carattere distintivo degli italiani. A cimentarsi con questo tema è ora Luigi Zoja, con un progetto originale e a lungo meditato. L’autore attinge da storia, arte e letteratura, ma anche dalla psicoanalisi, tracciando la lunga storia del nostro Paese, dal Medioevo ai giorni nostri, attraverso l’autorappresentazione di chi lo ha abitato: una narrazione collettiva che influenza l’intera società e il suo ruolo nel mondo.
Le nazioni sono in buona parte un prodotto dell’immaginazione, ma l’Italia lo è molto più delle altre, essendo il punto d’arrivo anche di una enorme quantità di fantasie non italiane.
A partire dal Rinascimento, infatti, le classi colte d’Europa completavano la loro educazione con un viaggio in Italia, sebbene più per conoscerne le antichità che gli abitanti reali.
In questo saggio straordinario Luigi Zoja traccia una parabola, che vede una crescita evidente dal
Medioevo fino al suo apice, il Rinascimento: qui le arti, ma anche la ricchezza materiale, hanno superato qualunque paese dell’Occidente. L’Italia dei mille comuni, divisa e militarmente debole era giunta al «vertice» del mondo. Da lì si è avuto un inesorabile ripiegamento, e si è pian piano sedimentata l’idea potente di nazione unita e di una grandezza passata da riconquistare, mentre quasi ogni primato lasciava la Penisola. L’idea di Italia ha così conosciuto un lento declino, compensato da una narrazione inconscia sempre più bellicosa, retorica e vuota, fino al mito fascista della rinascita dell’impero. Significativamente, è solo dopo il 1945 che l’Italia torna davvero a un vertice creativo: con il cinema, che restituisce centralità agli antieroi, a quegli umili che già il Rinascimento aveva celebrato. Ma la narrazione nostalgica di un supposto grandioso passato imperiale non ci ha mai abbandonati del tutto e ancora risuona nell’inconscio collettivo degli italiani.

LUIGI ZOJA
è psicoanalista e saggista. Già presidente della IAAP, l’associazione internazionale degli analisti junghiani, ha lavorato a Zurigo, New York, Milano e pubblicato testi tradotti in quindici lingue. Presso Bollati Boringhieri sono usciti: Il gesto di Ettore. Preistoria, storia, attualità e scomparsa del padre (2001, nuova ed. 2016), Giustizia e Bellezza (2007), Contro
Ismene. Considerazioni sulla violenza (2009, Premio Internazionale Arché), Al di là delle intenzioni. Etica e analisi (2011), Paranoia. La follia che fa la storia (2011, nuova ed. 2023), Psiche (2015), Centauri. Alle radici della violenza maschile (nuova ed. rivista, aggiornata e ampliata, 2016), Dialoghi sul male. Tre storie (2022) e Sotto l’iceberg. Presenze inconsce nella società e nella storia (2023).
Ha vinto per due volte (2002 e 2008) il Gradiva Award della National Association for the Advancement of Psychoanalysis, assegnato ogni anno negli Stati Uniti alla saggistica psicologica. Il prof. Luigi Zoja ha presentato a Valdagno, negli anni scorsi, La morte del prossimo e Utopie minimaliste.

MARCO SCORZATO
giornalista professionista, vice caporedattore de Il Giornale di Vicenza. Per mestiere e per passione segue da anni la politica e i temi legati alla integrazione europea. Cura il blog Yourope e l’approfondimento settimanale La bussola europea.

Ingresso libero, senza prenotazione, fino ad esaurimento posti disponibili

 

Allegati

Contenuti correlati